Perché una casa in bioedilizia è una casa salubre?

La bioedilizia si prefigge l’obiettivo di costruire ambienti privi di sostanze tossiche e i benefici che porta si riflettono su due fronti: il primo riguarda l’essere umano e la salubrità degli ambienti in cui vive, il secondo riguarda il ridotto impatto ambientale.

Un punto fondamentale per la costruzione di case in bioedilizia è la salute di chi vive l’immobile: vivere in una casa in bioedilizia infatti garantisce comfort grazie all’utilizzo di materiali naturali. Questo, sebbene sia un argomento molto importante, viene trattato ancora poco in Italia. Nell’informazione collettiva in merito a questo importante argomento, c’è ancora molto da sapere e da divulgare.

Non tutti infatti sanno che nella costruzione di una casa tradizionale, vengono utilizzati materiali edili abituali che sono però materiali di sintesi chimica come colle e vernici.

Questo perché devono corrispondere a determinati criteri di utilizzo che si possono ottenere mediante l’uso di sostanze che purtroppo spesso sono tossiche. Un aspetto che ottimizza senz’altro le fasi di costruzione ma va a discapito di chi vivrà l’abitazione. Anche se in minima parte, queste sostanze non propriamente salutari, si possono diffondere negli ambienti abitati e quindi possono essere inalate da chi ci vivrà quotidianamente.

Una casa in bioedilizia predilige il montaggio a secco, ovvero senza l’uso di prodotti chimici: in questo modo non vengono rilasciate emissioni, polveri o fibre nocive nell’ambiente ed è migliore il comfort abitativo.

Può sembrare un aspetto banale, ma non lo è! Infatti la qualità della vita viene influenzata positivamente perché non vengono rilasciate sostanze dannose nell’aria interna alla casa e quindi non vengono assorbite dalle persone. Possiamo affermare quindi che i materiali vivi e naturali migliorano la salubrità dell’aria che respiriamo. Solitamente vengono installati impianti di ventilazione meccanica controllata per raggiungere una qualità ottimale dell’aria per un ricircolo, un ricambio efficace dell’aria senza dover intervenire manualmente aprendo le finestre. 


Le case in bioedilizia e l’umidità

Quello che abbiamo visto finora riguarda l’aria. Cosa c’è da sapere invece sull’umidità delle case in bioedilizia?

È semplice: le case in bioedilizia non hanno problemi di umidità. Sono case in cui le pareti, costruite con l’utilizzo di materiali naturali, sono naturalmente calde e in abbinamento al sistema di ricambio dell’aria, viene gestito anche il tasso di umidità.

Per ottenere ancora un maggior comfort abitativo, in aiuto vengono inoltre i sistemi di riscaldamento e raffreddamento che riescono a regolare il clima della casa in bioedilizia, in un modo del tutto naturale.

Quindi possiamo senz’altro affermare che ai giorni nostri la bioedilizia sta offrendo un prodotto che può migliorare la vita e la quotidianità dell’uomo.


[Fonti: immobilgreen.it]